Condividi:

Ciao, oggi non vi propongo un gioco, un esercizio tecnico o altro. Oggi vorrei parlare di quelli allenatori che, nelle giovanili, soprattutto nelle categorie esordienti e u13, vanno alla ricerca di giocatori per fare la squadra come se fosse il fantacalcio., cercando talenti per i propri fini.

Adesso basta!

Sinceramente mi sono rotto le scatole di vedere allenatori (nazionali e non) contattare direttamente i genitori dei talentuosi bambini usciti dal minibasket per convincerli ad andare a giocare per loro. Bene, spero che questi individui abbiano vita breve nel mondo del basket.

Tutti sono capaci di allenare talenti per poi lasciarli a casa dopo 2-3 anni perchè non soddisfano i requisiti da loro richiesti. Perchè anche i talenti vano allenati. Perchè illudere i ragazzi per poi scaricarli in società minori?

Si parla di abbandono nell’età tra gli 11 e i 14 anni, dando la colpa ai “giovani di oggi” che non hanno carattere e spirito di sacrificio; forse bisogna trattarli meglio e non portarli nella propria società per far vedere che si vince un campionato elite o uno regionale da mettere nella bacheca dell’allenatore.

Il miglioramento si fa in palestra con i propri giocatori

Io giudico un allenatore dal miglioramento del gruppo nell’arco dell’anno e come parametro non prendo il talento della squadra, ma prendo il gregario, quello che ha dei limiti; su quest’ultimo baso il lavoro dell’istruttore o dell’allenatore, perchè è sui giocatori mediocri che vedo la mano dell’istruttore o dell’allenatore. Se un bambino a 7-8 anni viene in palestra e sa già palleggiare, tirare e correre; tutto è più facile. Provate ad allenare un bambino che arriva in palestra e non sa controllare la palla, non è coordinato e non sa correre; è tutta un’altra cosa, ed è li che si vede la bravura dell’istruttore nel far appassionare il bambino e farlo crescere dandogli fiducia e incitandolo anche per un minimo miglioramento.

Agli allenatori che prendono in mano squadre U13 e hanno il coraggio di dirti:

si ma cosa fate nel minibasket? non sanno fare un’apertura, un dai e vai, non hanno il senso del gioco

io rispondo:

Vieni alle 16:30 appena i bambini di prima elementare entrano in palestra, osservali mentre corrono con la palla in mano o cercano di tirare a canestro; guardali mentre inciampano se fanno uno scatto o hanno paura a prendere un passaggio. allenali per 5 anni e solo allora potrai criticare il lavoro di noi Istruttori-Educatori.

Come mai…

Come mai ci sono società blasonate che fanno minibasket con reclutamento dai 7 anni e poi quando il gruppo arriva alla categoria esordienti non ne tengono uno e cercano ragazzi da altre società?

Come mai ci sono allenatori che contattano direttamente i genitori dei ragazzi talentuosi?

Come mai ci sono allenatori che non riescono a fare un progetto a medio termine e ogni anno cambiano società?

Sapete cosa mi aspetterei dalle società?

Mi aspetterei che licenziassero in tronco gli allenatori che non coltivano i giovani ma reclutano solamente;

Mi aspettreri che non contattino, o facciano cotattare dall’allenatore, i talenti di altre società ma si impegnassero a far crescere e creare talenti dal proprio vivaio;

Mi aspetterei più correttezza e chiarezza nel caso un ragazzo talentuoso di un’altra società abbia le caratteristiche per giocare ad alti livelli.

Mi aspetterei che, se il talento poi non diventasse un campione, possa giocare dove vuole e non costringerlo a giocare in società satellite con il rischio dell’abbandono.

Vi ricordo che stiamo giocando con i sogni dei ragazzini, fare mercato contattando i genitori penso sia la cosa più brutta che si possa fare.

[amazon_link asins=’889918402X,8899184291,8860284627′ template=’ProductGrid’ store=’minibasketinf-21′ marketplace=’IT’ link_id=’459d984a-b8fe-11e8-ab6c-8dcdb49bb187′]

in 30 anni di lavoro sul campo ho sempre parlato chiaro ai dirigenti e genitori, il bambino deve trovare la sua tranquillità e dare sempre il massimo, se un giorno una società può far fare al ragazzo un salto di qualità è giusto che lo si lasci provare.

Le società devono dare la possibilità a tutti i propri iscritti di giocare ai livelli che meritano. E’ comunque un investimento per tutti. L’importante è che ciò sia compreso da tutti e ci sia un accordo per il bene del ragazzo.

scusate lo sfogo, ma dopo quello che ho visto e sentito in questi giorni, mi viene la voglia di fare nomi e cognomi….

Loading...
Facebook Messenger for Wordpress